Commodities Trading

Una piccola anteprima sulle Commodities

Buon anno a tutti. 

In questo aggiornamento bisettimanale voglio renderti partecipe della mia nuova esperienza di trading. In questi giorni sto sperimentando un po’ di operazioni sulle commodities, anche se questo mese non ci sono molte opportunità. 

Per cominciare in questo mondo bisogna puntare innanzitutto su strumenti stabili e poco costosi, che anche in termini di rischio, non richiedano troppo.

Come consigliato da molti, è bene cominciare dalle granaglie, in particolare su uno spread del grano

Per evitare di copiare le operazioni come se non ci fosse un domani, per il momento eviterò di fornire i dettagli, ma ti terrò aggiornato su eventuali profitti e perdite.

Mi piacerebbe invece darti maggiori informazioni sul mondo delle commodities.

Se non conosci questo mondo, le commodities sono tutte le materie prime disponibili, o quasi, che sono scambiate nel libero mercato. Gli scambi di materie prime sono regolamentati da contratti quotati in diverse borse. Io prevalentemente sono focalizzato sulla borsa americana. 

Questi contratti prendono il nome di futures, e possono essere scambiati come qualunque altro prodotto finanziario in un mercato regolamentato. 

Ogni future ha una sua data di scadenza, un sottostante, ed un prezzo. Il sottostante è la materia prima che si sta contrattando con questo contratto. Gli scambi di questi contratti possono generare delle perdite o dei profitti, in relazione al prezzo di acquisto e al prezzo di vendita, proprio come qualunque altro prodotto commercialmente scambiato.

Le materie prime sono comunque dei prodotti che hanno una certa ciclicità stagionale, ovvero durante l’anno è facile individuare dei trend che si ripetono più o meno sempre nello stesso periodo.

Ad esempio per il grano, la semina ed il raccolto più o meno avvengono ogni anno sempre nello stesso periodo. 

Questi trend stagionali sono catalogati da particolari tool, che dietro abbonamento, possono fornire tutti i dati statistici dei movimenti di molti sottostanti.

Sulla base dei movimenti stagionali, si possono andare ad inserire delle operazioni per sfruttare il vantaggio statistico dell’anno in essere.

Naturalmente non è così semplice, ma il tutto ha bisogno di un'attenta analisi sia tecnica che fondamentale dei sottostanti che si intende acquistare.

Se sei interessato ad approfondire la questione, registrati al mio substack, e lascia un commento. 

Ora non mi resta che augurarti buon sabato!

Photo by v2osk on Unsplash